0,99



Condividi su:

sinossi

Ombre rosse rappresenta nella storia del cinema l’esempio più noto del western classico, in cui si ritrovano tutti gli elementi fondamentali del genere: dai grandi spazi (la Monument Valley viene resa leggendaria proprio da questo film) al tema del viaggio, dal clima di minaccia incombente per la presenza degli indiani all’intervento della cavalleria, dall’eroe ingiustamente accusato che supera una prova impossibile alla punizione dei colpevoli. Il film, che segnò il ritorno di Ford al western dopo ben 13 anni e la consacrazione per John Wayne, costituisce un atto di accusa verso l’epoca precedente a Roosevelt, contro l’ipocrisia sociale e l’emarginazione nei confronti dei più deboli, gli esclusi dalla società, che non a caso sono gli autentici protagonisti del film. Per essere un film d’azione, Ombre rosse è straordinariamente attento a una minuziosa definizione psicologica dei nove personaggi principali. Così la diligenza diventa una metafora, tutt’altro che difficile da leggere, della società americana, e i nove personaggi rappresentano un campionario umano ben più vasto del loro esiguo numero.

Ascolta la Preview